fbpx
servizi idrici integrati

La diagnosi energetica per i Servizi Idrici Integrati

All’interno della cornice del Festival dell’Acqua (Bari, 8 – 11 ottobre) EDILVI ESCo presenta, martedì 10 ottobre alle 9.45, un importante caso studio sulla diagnosi energetica per i SII – Servizi Idrici Integrati (oggetto di tesi di laurea, redatta dall’Ing. Alberto Lucietto).

La proposta di studio, elaborata in collaborazione tra EDILVI ESCo e Università degli Studi di Padova, si è posta l’obiettivo di elaborare soluzioni energeticamente innovative ed efficienti nei Sistemi Idrici Integrati, prendendo in considerazione un SII del Veneto.

La diagnosi energetica

È una procedura volta a:
• fornire una adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico;
• individuare e quantificare le opportunità di risparmio energetico sotto il profilo costi/benefici;
• individuare interventi che portino al miglioramento dell’efficienza energetica, alla minimizzazione dei costi di gestione dell’energia, alla riqualificazione del sistema energetico, al miglioramento della sostenibilità ambientale nella scelta e nell’uso delle fonti di energia.

Premessa: obbligo di diagnosi energetica

Nella fase preliminare dei contatti fra ESCo ed Ente, è emersa la necessità di adempiere all’obbligo della Diagnosi Energetica secondo quanto previsto dal Dlgs 102/2014. Sì è pertanto optato per un approccio che fosse propedeutico alla suddetta necessità.

I numeri di riferimento

Il Servizio Idrico Integrato oggetto di studio raccoglie al suo interno:

    • 39 comuni;
    • 132mila utenze;
    • 340mila abitanti.

La diagnosi energetica

L’approccio metodologico utilizzato per lo studio sono le Linee guida dell’ENEA e la normativa di riferimento (UNI CEI/TR 11428 – UNI CEI EN 16247 parte 1 & 3). Essendo un’azienda multisito, è stata adottata la procedura di clusterizzazione per individuare i siti da sottoporre ad audit energetico; i siti analizzati sono stati 6 ed il lavoro si è svolto da ottobre 2016 fino a marzo 2017.

I risultati

I risultati ottenuti grazie alla diagnosi energetica sono molteplici:

Monitorare gli indici di prestazione energetica

È importante monitorare gli Indici di Prestazione Energetica in quanto aiutano nell’analisi a consuntivo e sono preziosi indicatori delle performance di impianto.

Sostituzione dei motori elettrici esistenti

Valutare la sostituzione con nuovi motori ad alta efficienza energetica nei seguenti casi: se i motori esistenti hanno potenze maggiori di 15kW e carico costante; se funzionano più di 16 ore al giorno; se sono installati da circa 7-8 anni (classe di efficienza IE1).

Valutazione delle pompe installate

La diagnosi ha portato alle seguenti indicazioni: verificare le effettive necessità in fatto di pompaggi (possibile sovradimensionamento delle pompe installate); capire se è più utile una pompa ad immersione o una centrifuga, eliminare i controlli dissipativi con valvole parzializzate; valutare l’installazione di un inverter e la possibile tornitura della girante delle pompe centrifughe.

Compressori a lobi vs turbosoffianti

Con potenze della singola macchina superiori ai 20kW una turbosoffiante ha un rendimento mediamente superiore del 15-20% rispetto ad un compressore a lobi.

Fotovoltaico

Opportunamente dimensionato e con spazi sufficienti per l’installazione, un impianto fotovoltaico su un sito di un sistema idrico può raggiungere livelli di autoconsumo elettrico molto elevati (85-95%) che possono garantire tempi di ritorno ragionevoli di 6-8 anni, su una vita tecnica che supera i 20 anni.

Cogenerazione

Se l’autoconsumo elettrico è facile da ottenere, il contestuale utilizzo del calore prodotto potrebbe servire per la disidratazione dei fanghi, oppure, nel periodo invernale, per avere temperature adeguate nelle vasche di ossidazione.

Controllo delle fatture elettriche

È importante verificare la presenza di contributi anomali (es. Corrispettivo Tariffario Specifico) e controllare la presenza di eventuali penali per consumi di energia reattiva dovuti a guasti dei rifasatori presenti oppure per mancato adeguamento dei rifasatori stessi alla nuova soglia imposta da AEEGSI dal 01/01/2016.

Altri risultati

Controllare i trasformatori, monitorare gli impianti fotovoltaici esistenti, recuperare il calore dai compressori, rifasamento distribuito, replicabilità degli interventi, valutare gli incentivi disponibili (come ad esempio i Certificati Bianchi).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

CONTATTACI

Acquisite le informazioni fornite da EDILVI SPA ai sensi dell'art. 13 del GDPR, l'utente - dichiarando di essere maggiorenne o di avere almeno 16 anni - presta il proprio consenso per l'inserimento dei dati personali nell'archivio elettronico ai fini della newsletter (o altro servizio o richiesta) ed il conseguente trattamento dei propri dati personali per le finalità connesse.
Presta il proprio consenso per l’inserimento dei propri dati personali nell’archivio elettronico ai fini di marketing, comunicazioni commerciali e pubblicitarie dei propri prodotti o servizi.
Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali per il servizio di richiesta informazioni Privacy policy e il Consenso informato

Edilvi SpA ® 2021
Capitale sociale: euro 3.000.000 i.v.
Partita iva e cod. Fiscale 01699250260
R.E.A.: 163378
tribunale di Treviso
e registro delle imprese: 01699250260
Copyright © 2010 – 2021

Via Roma, 164, 31020 Loc.Castrette TV

EDILVI SPA
Tutti i diritti sono riservati – all rights reserved

 
La società Edilvi spa (C.F. 01699250260) ha ricevuto nel corso del 2020 e del 2021 gli aiuti di stato pubblicati sul “RNA – sezione trasparenza del Mise

Dove siamo

Nuove costruzioni
Casa Smart Plus
case nZEB

Super bonus 110
Demolizione, ricostruzione, riqualificazione case

Super Bonus 110
Riqualificazione
condomini

Nuove costruzioni

Casa Smart Plus
case nZEB

Super Bonus 110

Demolizione e ricostruzione
o riqualificazione case

Super Bonus 110

Riqualificazione
condomini